Posta Elettronica Certificata

Iscrizione dell’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC)

SOCIETA’
Le società devono indicare il proprio indirizzo di Posta Elettronica Certificata (P.E.C.) nella domanda di iscrizione al Registro delle Imprese (art. 16, comma 6, del D.L. 29.11.2008 n. 185).
Nei confronti delle società costituite prima del 29 novembre 2008 e che non hanno comunicato l'indirizzo P.E.C. al Registro Imprese, in luogo della sanzione prevista dall'articolo 2630 del Codice civile, si applica la sospensione per tre mesi delle pratiche contenenti istanze di iscrizione al Registro Imprese fino all'integrazione delle stesse con l'indirizzo P.E.C. Decorso inutilmente il predetto termine, l'istanza si intende non presentata e quindi sarà oggetto di rigetto (parere del Consiglio di Stato n. 1714/2013).
La comunicazione della PEC da parte delle imprese già iscritte può essere effettuata anche contestualmente alla presentazione di una pratica di modifica.

IMPRESE INDIVIDUALI
Il D.L. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito con legge 17 dicembre 2012, n. 221, all’art. 5 ha esteso alle imprese individuali l'obbligo di iscrizione della P.E.C. nel Registro Imprese, già previsto per le società. Le imprese individuali in sede di prima iscrizione al registro imprese o all'albo delle imprese artigiane hanno l'obbligo di comunicare il proprio indirizzo di posta elettronica certificata. In mancanza l’iscrizione non potrà essere eseguita. La domanda incompleta sarà quindi sospesa e passibile di rifiuto con provvedimento del Conservatore qualora , ai sensi dell’art. 11 comma 11 del D.P.R. 581/1995, la stessa non venga integrata con la comunicazione della PEC entro 10 giorni dal ricevimento della lettera formale di regolarizzazione
Le imprese individuali già iscritte e attive, non soggette a procedura concorsuale, hanno avuto tempo fino al 30 giugno 2013 per comunicare il proprio indirizzo di PEC. Dal 1° luglio 2013, l'ufficio del Registro delle Imprese che riceve una domanda di iscrizione da parte di un'impresa individuale che non ha provveduto a comunicare il proprio indirizzo PEC entro il 30 giugno, in luogo dell'irrogazione della sanzione prevista dall'articolo 2630 del Codice civile, sospende la domanda fino ad integrazione con l’indirizzo PEC e comunque per 45 giorni, trascorso tale periodo la domanda si intende non presentata. L’integrazione non è richiesta nel caso di istanza di cancellazione dal registro delle imprese.

Caratteristiche della Pec: La casella Pec da iscrivere al Registro Imprese deve essere:

  • attiva;
  • unica: non deve risultare assegnata ad altro soggetto;
  • univoca: non deve essere riferibile ad altri soggetti che non siano l'impresa o la società; ne deriva che non sono legittimamente iscrivibili gli indirizzi Pec di professionisti, studi di consulenza, associazioni di categoria messi a disposizione di uno o più clienti;
  • nella titolarità esclusiva dell'impresa/società che la iscrive; presuppone un contratto di assegnazione tra il gestore e l'impresa/società.

 
Costi: La comunicazione e le eventuali successive variazioni  dell’indirizzo di posta elettronica certificata sono esenti da diritti, bolli e tariffe.

Valuta le informazioni della pagina
Ultimo aggiornamento: 04/07/16

Cerca nel sito

Crescere in digitale
Crescere Imprenditori
Certificati e visure on line
Start-up

Indice ISTAT

(Famiglie Operai e Impiegati)
Indice OTTOBRE 2017: 100,9
Variazione annuale
(2016/2017): +0,9%
Variazione biennale
(2015/2017): +0,8%
ENTRA

Servizi Innovativi e on line

Altri servizi

Reggio Emilia: economia e territorio
Video di presentazione

Verifiche PA